fbpx
HomeArchivio PoliticaAprilia Civica: l'amministrazione Principi dice di sì sulla stampa e poi si...

Aprilia Civica: l’amministrazione Principi dice di sì sulla stampa e poi si gira dall’altra parte in Consiglio comunale

Articolo Pubblicato il :

Quando si tratta di fare passerella mediatica ci si mette in prima fila e poi quando si tratta di lavorare per gli interessi dei cittadini ci si volta dall’altra parte”. Aprilia Civica interviene lamentando che la maggioranza del sindaco Principi, dopo aver accolto favorevolmente sulla stampa la definizione agevolata, ha pensato bene di fare marcia indietro durante il Consiglio Comunale di ieri. L’intento di Aprilia Civica – si spiega in una nota stampa –  era quello di estendere gli effetti della cosiddetta pace fiscale recependo il provvedimento del governo Meloni.

La nota di Aprilia Civica

Aprilia Civica, in virtù del rapporto simbiotico con il territorio e della tutela del tessuto sociale cittadino, all’interno dei lavori del Consiglio comunale di ieri aveva portato in discussione, quale contributo amministrativo, due mozioni. La prima relativa alla istituzione delle consulte cittadine e la seconda relativa al Regolamento per la definizione agevolata delle entrate.

Con la prima mozione, in nome della partecipazione attiva al governo del territorio, si voleva mettere in piedi quel meccanismo virtuoso denominato “Consulta”. Uno strumento di confronto continuo con tutte le realtà cittadine che permette di accompagnare al meglio il lavoro di tutti i settori amministrativi, aumentare la condivisione e garantire trasparenza.

Con la seconda mozione, l’intento di Aprilia Civica, ero quello di estendere gli effetti della cosiddetta pace fiscale recependo il provvedimento del governo meloni. L’iniziativa è rivolta alle famiglie ed alle aziende e prevede la possibilità di estinguere i debiti iscritti a ruolo, contenuti negli atti di riscossione del comune, versando le somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Il regolamento tra le altre cose disciplinerà la definizione agevolata delle pendenze relative ai tributi locali nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2000 ed il 30 giugno 2022. Il cittadino-debitore si avvale quindi dell’abbattimento delle somme richieste a titolo di sanzioni e interessi, anche di mora, delle sanzioni civili e delle somme aggiuntive.

La maggioranza del sindaco Principi, dopo aver accolto favorevolmente sulla stampa la definizione agevolata, ha pensato bene di fare marcia indietro durante il Consiglio Comunale. Un atteggiamento particolare, per non dire strano, quello della compagine di governo che quando si tratta di fare passerella mediatica si mette in prima fila e poi quando si tratta di lavorare per gli interessi dei cittadini si volta dall’altra parte. Era già successo alcuni mesi fa, quando il centrodestra non votò la definizione agevolata relativamente alle liti pendenti in materia di tributi locali. Provvedimento che l’amministrazione comunale uscente portò in aula sulla scorta di quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2023.

Ci viene da pensare che le mozioni, in barba al concetto stesso di democrazia, siano state bocciate solo perché frutto del lavoro delle forze di opposizione. Vogliamo sottolineare che la propaganda fine a se stessa oltre a non avere senso questa volta va contro gli interessi dei cittadini visto che l’istituzione delle consulte, ad esempio, era contenuta anche nel programma elettorale del centrodestra. Consigliamo alla maggioranza di lasciare da parte la logica delle bandierine e all’esecutivo di mettersi al più presto a lavorare.Rispettare il mandato ricevuto dai cittadini e le prerogative della minoranza è doveroso.

spot_img
spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE