fbpx
HomeArchivio CronacaIlleciti contro il reddito di cittadinanza: la Finanza intercetta a Ponza e...
spot_img

Illeciti contro il reddito di cittadinanza: la Finanza intercetta a Ponza e segnala un soggetto risultato titolare di 2 società.

Articolo Pubblicato il :

Illeciti contro il reddito di cittadinanza: la Guardia di Finanza della Sezione Operativa Navale di Gaeta intercetta nelle acque dell’isola di Ponza, a bordo di un’imbarcazione, e segnala all’Autorità Giudiziaria un soggetto risultato titolare di 2 società. Richiesto all’inps il recupero degli importi indebitamente percepiti, pari a 5.700 euro. Il controllo in mare era scattato la scorsa estate. L’uomo, percettore del Reddito di Cittadinanza dal gennaio del 2022, dai controlli, è risultato rappresentante legale e socio amministratore delle 2 società di capitali.

A seguito di un controllo in mare effettuato dalla Sezione Operativa Navale di Gaeta, congiuntamente con l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Latina, nelle acque dell’Isola pontina, la scorsa estate, ha individuato un cittadino italiano, trovato alla conduzione di una imbarcazione da diporto destinata al noleggio nautico.

Soltanto a seguito di accertamenti scaturiti dall’incrocio delle informazioni sullo stato patrimoniale e reddituale delle persone fisiche e delle società, censite nelle banche dati del Corpo ed incrociate con i dati in possesso all’I.N.P.S., il medesimo soggetto, impiegato come lavoratore “in nero” per una società di noleggio, è risultato essere percettore del Reddito di Cittadinanza dal mese di gennaio 2022, benché fosse rappresentante legale e socio amministratore di 2 Società di capitali.

Da qui è scattata la segnalazione alla competente Autorità Giudiziaria per la mancanza di requisiti del beneficio sociale e la contestuale segnalazione all’I.N.P.S. per l’immediata interruzione dell’erogazione del beneficio e per l’avvio delle procedure per il recupero delle somme indebitamente percepite, pari a circa €. 5.700.

Continua, pertanto, l’opera di approfondimento dei soggetti controllati durante l’estate, in mare, dai Reparti del ROAN Civitavecchia: una metodologia che prevede, dapprima, un’analisi di rischio, per restringere il numero dei controlli solo a coloro che hanno indici di potenziale pericolosità fiscale; successivamente, riscontri attraverso gli applicativi informatici in uso al Corpo, incrociando le risultanze con le banche dati Inps ed Agenzia delle Entrate.

Si tratta di un tipico esempio della trasversalità dei controlli della Guardia di Finanza, che partendo da un semplice controllo a mare riesce a verificare la posizione fiscale delle persone interessate, smascherando false dichiarazioni finalizzate a percepire indebitamente un aiuto dello Stato, rivolto a persone svantaggiate e bisognose.

Il dispositivo aeronavale del ROAN di Civitavecchia continua ad operare in molteplici settori di servizio, in piena sinergia con i Reparti territoriali della Guardia di Finanza, a garanzia dell’economia legale ed a tutela del bilancio dello Stato.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE