fbpx
HomeAltre NotizieProsegue la protesta dei dipendenti del Gruppo Sda Acqua&Sapone, lavoratori da Aprilia...
spot_img

Prosegue la protesta dei dipendenti del Gruppo Sda Acqua&Sapone, lavoratori da Aprilia a Pescara davanti alla sede della HCLOG: “Contro lo sfruttamento e per i diritti”

Articolo Pubblicato il :

Sciopero dei lavoratori in via Nettunense ad Aprilia, la nota dell’USB: “Il Gruppo SDA o meglio conosciuto come Acqua e Sapone sono circa 10 anni che appalta la gestione dei magazzini di Latina ad una società che attualmente si chiama Logistics Bridge. Ogni 2 anni i lavoratori subiscono un cambio appalto e l’unica cosa che cambia è il nome della società.

Per tutto questo tempo ad ogni cambio appalto i lavoratori venivano ogni volta riassunti come se fosse il loro primo giorno di lavoro e l’anzianità è stata sempre azzerata.

Nel 2018 tra un cambio appalto e l’altro i lavoratori firmano un verbale di conciliazione che a fronte di 150 euro ne perdono circa 15 mila a testa di differenze retributive non pagate dalla società uscente dalla porta ma che rientrava con un altro nome dalla finestra.

Durante il primo sciopero indetto da USB alcuni lavoratori vengono licenziati per aver scioperato. Saranno reintegrati nel 2020 e vinceranno ulteriormente nel 2022 dopo il ricorso depositato dalla Logistics Bridge che non aveva accettato la decisione del tribunale di reintegrare i lavoratori.

Nel 2020 la CGIL firma un accordo di armonizzazione tra il ccnl cisal e multiservizi. Dalla brace alla padella.

La forza di USB cresce all’interno dei magazzini dopo manifestazioni, volantinaggi e voglia di riscatto dei lavoratori. Attualmente siamo stati riconosciuti come sindacato dalla società uscente e i lavoratori iscritti sono circa 60, molti di più di qualsiasi altro sindacato presente in azienda.

Nonostante il numero degli iscritti e trascorsi 2 anni da quel fatidico accordo della CGIL, la società vincitrice sigla proprio con questo sindacato a noi noto per essere accondiscendente con le società l’accordo di cambio appalto e viene rigorosamente rispettata la clausola sociale. Sapete perché? Perché in questo modo,  nonostante accordi sindacali mai rispettati dalla società riconoscono ai lavoratori aumenti di livelli e anzianità di servizio maggiore, i lavoratori verranno ancora una volta riassunti con le stesse caratteristiche riportate in busta paga senza riconoscere la reale anzianità trascorsa e continuarli a pagare con livelli più bassi.

In oltre nello stesso accordo viene congelata la quattordicesima mensilità, vengono tolti 2 giorni di ferie, ripartono tutti dal primo e secondo livello contrattuale e altre cose inenarrabili ai danni dei lavoratori.

Lunedì 14 novembre 2022 la nuova società HCLOG si è presentata ai lavoratori tronfia di essere tra le più quotate aziende del settore. In realtà l’unico riscontro di USB è che cambiano gli addendi ma il risultato non cambia. Le lavoratrici e i lavoratori scioperano ormai da 10 giorni per ottenere l’applicazione completa del CCNL del contratto Multiservizi e un buono pasto. L’unica cosa certa è che neanche la HCLOG rispetterà il CCNL Multiservizi.

Per questo le lavoratrici e i lavoratori di Latina dei magazzini di Acqua e Sapone saranno il giorno 18 novembre a Pescara davanti la sede della HCLOG alle ore 12.

“Contro lo sfruttamento, contro l’arroganza, per i diritti e per alzare la testa di fronte ai padroni che vorrebbero il nostro servilismo ma è ora di restituire al mittente il trattamento ricevuto”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE