HomeArchivio Spettacolo e CulturaUn sabato di “giallo” e poesia per la conclusione del “Maggio Sermonetano”.
spot_img

Un sabato di “giallo” e poesia per la conclusione del “Maggio Sermonetano”.

Articolo Pubblicato il :

Si tinge di “giallo” il week end conclusivo del Maggio Sermonetano.  Dopo l’escursione in canoa e percorsi a piedi per adulti e bambini – in programma per questo sabato mattina alle 9.30 lungo il fiume Cavata – alle 18.00 presso il Palazzo Caetani, sopra il Museo della Ceramica, si terrà “Il Maggio delle Parole”, un appuntamento con la letteratura e con due generi molto diversi di scrittura ma con un tema comune: Sermoneta. Si inizierà con “Il Grifone, la Scimmia e L’usignolo” di Antonio Scarsella e si proseguirà con “La Forma della Malingonia”, un libro di poesie in vernacolo di Dante Ceccarini. Alle 21 presso il Giardino degli aranci, lo spettacolo “Musartesia”.

Si inizierà con “Il Grifone, la Scimmia e L’usignolo” di Antonio Scarsella, un appassionante giallo che solo la tenacia e l’arguzia del commissario francese Leveque, in trasferta a Sermoneta all’interno del Castello Caetani durante il Campus Internazionale di Musica, riusciranno a dipanare.

Seguirà “La Forma della Malingonia”, un libro di poesie in vernacolo opera di Dante Ceccarini, poeta dialettale e in lingua italiana, nonché pediatra.

L’incontro sarà animato dal giornalista Mauro Nasi e dalle letture di Amalia Avvisati oltre che dalla performance canora e musicale, nello stile del fado portoghese,  di Mimmo Battista ed Angelo Cassoni su brani tratti dalle poesie di Ceccarini. Oltre agli autori dei due testi interverrà il sindaco di Sermoneta, Claudio Damiano.

Concluderà la giornata, alle 21 presso il Giardino degli aranci, “Musartesia”, uno spettacolo rivolto ai rumori dell’anima.

 

 

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE