Al Madxi di Latina questo sabato il concerto blues di Alberto Popolla.

Archivio Spettacolo e Cultura  

Pubblicato 08-11-2017 ore 12:53  Aggiornato: 11-11-2017 ore 21:43

Al Madxi di Latina, il Museo di Arte Contemporanea, sabato 11 novembre arriva il musicista romano Alberto Popolla che presenterà in concerto il suo nuovo lavoro “Really The Blues”. L’appuntamento è presso la sede del Museo, in via Carrara, 12, a Tor Tre Ponti. La serata avrà inizio alle 21.30.

 

ALBERTO POPOLLA presenta: “Really The Blues”

Al centro di questo viaggio c’è una poetica basata sulla sottrazione, sulla conquista del silenzio e sull’espansione del tempo e dello spazio, sull’ autodeterminazione del ritmo e del sentimento.

Il Blues, quale fonte inesauribile di idee e di storie, riportato all essenza, alla sua natura individuale.

“….il blues ritornava per il suo impeto e il suo significato emozionale all individuo, alla sua vita, alla sua morte, alla sua storia personale.”

Dal libro ‘IL POPOLO DEL BLUES’ – Sociologia degli afroamericani attraverso il jazz di Amiri Baraka.

 

ALBERTO POPOLLA

Clarinettista e compositore, ha suonato a New York, Londra Berlino, Bruxelles, Algeri, Lisbona e in molti festival italiani. Ha esplorato i diversi suoni e le infinite risorse timbriche dei suoi clarinetti, attraversando sperimentazione e improvvisazione, scrittura e conductions, situazioni più strettamente jazzistiche e musica balcanica e klezmer. Ha promosso diversi ensemble italiani ed europei e ha collaborato con musicisti provenienti da tutto il mondo. Negli ultimi anni si è dedicato appassionatamente all’arrangiamento e alla composizione ispirandosi al grande patrimonio blues e agli affascinanti suoni della cosiddetta scena di Canterbury e della musica progressive. Diplomato al conservatorio in clarinetto jazz e laureato in Lettere è membro del quartetto Roots Magic e dell’ottetto Freexielanders diretto da Giancarlo Schiaffini e Eugenio Colombo.

 

Per Info: 3933364694

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 96  volte

Notizie Correlate

You must be logged in to post a comment Login