Dalla Regione 15 milioni di euro per 214 giovani agricoltori del Lazio. Contributi a fondo perduto di 70mila euro.

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 04-03-2021 ore 13:14  Aggiornato: 11-03-2021 ore 13:06

La Regione Lazio ha deliberato lo stanziamento di 15 milioni di euro, provenienti dal Fondo di Coesione Sociale, per permettere un ulteriore scorrimento della graduatoria dei giovani agricoltori. “Un grande passo – ha commentato il Presidente della Regione, Nicola Zingaretti – permesso grazie all’accordo sancito lo scorso luglio con l’allora ministro Provenzano sulla riprogrammazione dei fondi strutturali 2014-2020. Grazie al Programma di Sviluppo Rurale del Lazio 2014-2020 – ha sottolineato – abbiamo oggi 626 nuovi giovani agricoltori, che si aggiungono ai 1.122 del primo bando del 2016, per un totale complessivo di 1748 start up”.

“Un passo – prosegue Zingaretti – che testimonia la capacità del Lazio di spendere i fondi europei in modo concreto ed efficace, anche in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo a livello nazionale e mondiale. Vogliamo che i nostri giovani possano guardare al futuro con speranza e ringrazio personalmente le giovani agricoltrici e i giovani agricoltori che hanno deciso di investire con coraggio e passione nel nostro territorio. Sin dal nostro primo mandato abbiamo scommesso con loro e oggi questa scommessa acquista un valore ancora più significativo.

“Era un impegno – dichiara l’Assessore regionale all’Agricoltura, Enrica Onorati – che avevamo preso a ottobre, con il precedente scorrimento, e che oggi acquista un significato ancora più importante, alla luce dell’ultimo anno. Abbiamo voluto sostenere le ragazze e i ragazzi che non si sono arresi, simbolo di tenacia e di perseveranza, di un settore che non ha mai smesso di lavorare e seminare speranza, anche in pieno lockdown, testimoniando un valore strategico per l’economia non solo regionale ma nazionale.

Giovani che non hanno abbandonato la nostra terra ma anzi hanno voluto investirci e che partiranno con un contributo a fondo perduto di 70.000 euro. A loro e a tutte le persone che lavorano nel settore agricolo e agroalimentare voglio dire grazie. Il nostro lavoro è per voi e per rendere la nostra regione un terreno fertile per cui lavorare insieme”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login