In trappola sotto la metro di Roma, un 21enne di Aprilia in sedia a rotelle perde l’esame all’Università

Archivio Cronaca  

Pubblicato 04-09-2019 ore 15:24

Ha perso l’esame all’Università perché, in sedia a rotelle, non è riuscito a trovare un ascensore funzionante sotto la metro a Roma: erano tutti guasti. Quando è riuscito a trovarne uno funzionante era troppo tardi e non ha più potuto sostenere l’esame precludendosi la possibilità di laurearsi a maggio. Protagonista un 21enne di Aprilia, Matteo Chittaro. Su questa vicenda c’è anche un esposto di Asso-consum. La storia di Matteo ha già fatto il giro del web. “Sono abituato ai disservizi – commenta il 21enne di Aprilia – ma non mi era mai capitata una cosa del genere, ero in trappola sotto la metro di Roma. Veramente un’assurdità”.

Questa la cronistoria della disavventura di Matteo che gira sul web

“Matteo si diploma al liceo linguistico della sua città, e si iscrive a Lingue all’università Roma Tre. La facoltà si trova in zona Ostiense. Per seguire le lezioni, Matteo si alza molto presto al mattino. Esce di casa all’alba, raggiunge la stazione di Aprilia, prende un treno, viaggia per 50 minuti, arriva a Termini, scende, prende la metro fino a Marconi, sale in superficie e corre all’università. Tutti i giorni. Non da solo. Lo accompagna sempre un familiare o un amico. La vita di Matteo non conosce ostacoli, nessuna barriera può frenare la sua genuina e autentica passione per lo studio e per la conoscenza delle lingue straniere. È martedì 3 settembre. Matteo è sul treno, come ogni mattina. Arriva a Roma, in quella città che il nuovo governo promette di rendere “sempre più vivibile e sostenibile”. Sempre più. Intanto Matteo scende dal treno proveniente da Aprilia. Prende la metro, raggiunge la stazione Marconi, si dirige verso l’ascensore. Non funziona. È sbarrato. Matteo si guarda intorno. Ci sono solo le scale. Aspetta il nuovo treno. Sale. Scende alla stazione successiva, Magliana, riprende il treno in direzione contraria e torna a Marconi, sull’altra piattaforma. Punta l’ascensore. Niente. Non funziona nemmeno questo. È bloccato. Tutti gli ascensori sono fuori uso. Si sente in trappola. Ma non si perde d’animo. Aspetta un altro treno, scende alla fermata Eur Fermi. Niente. L’ascensore è sulla piattaforma opposta. Matteo è avvilito. Tira fuori il telefono. Chiama la mamma. Le dice vienimi a prendere, non ce la faccio più. Intanto sale su un treno, raggiunge la fermata successiva, Laurentina, torna indietro a Eur Fermi, sulla piattaforma opposta, e finalmente trova un ascensore funzionante. Matteo Chittarro ce l’ha fatta, è riuscito a uscire dalla fogna. Ma si è fatto tardi. Aveva un esame importante. Lo ha perso. Non si è presentato. Dopo aver studiato con grande impegno durante tutta l’estate. Niente esame, niente laurea a maggio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto6592 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login