HomeArchivio Altre NotizieMonsignor Gualtiero Isacchi, sacerdote del presbiterio della diocesi di Albano, è il...
spot_img

Monsignor Gualtiero Isacchi, sacerdote del presbiterio della diocesi di Albano, è il nuovo Arcivescovo della diocesi di Monreale.

Articolo Pubblicato il :

Monsignor Gualtiero Isacchi, sacerdote del presbiterio della diocesi di Albano, è il nuovo Arcivescovo della diocesi di Monreale, in Sicilia. E’ stato nominato oggi da Papa Francesco. L’annuncio è stato dato dal Vescovo di Albano, Monsignor Vincenzo Viva, al clero e ai fedeli della diocesi di Albano, durante il seminario vescovile,  alla presenza del cardinale Marcello Semeraro, del sindaco di Albano, Massimiliano Borelli, e del presidente del Consiglio comunale Nicola Marini. Un lungo applauso ha accolto le parole del vescovo, mentre in città le campane delle chiese hanno suonato a festa.

«In questo momento – ha detto monsignor Viva – ci sono tanti sentimenti nel nostro cuore, che vorrei interpretare a nome della comunità diocesana: anzitutto di lode al Signore, perché Dio ha chiamato, attraverso la voce del Santo Padre, il nostro caro don Gualtiero a servire la Chiesa nel ministero dell’episcopato. Per questo, esprimiamo gratitudine al Papa perché ha scelto per l’Arcidiocesi di Monreale un sacerdote del nostro presbiterio di Albano, e allo stesso don Gualtiero per il suo

generoso e prezioso servizio alla nostra diocesi. Sono certo che sentiremo tutti il vuoto che lascerà e la sua mancanza. Infine, il sentimento del nostro affetto diventa preghiera: per don Gualtiero, per la Chiesa di Monreale e per la nostra diocesi di Albano».

«Quando il Concilio Vaticano II – ha detto il cardinale Semeraro – parla del ministero presbiterale dice che ogni presbitero è iscritto a una Chiesa particolare, ma aggiunge anche che i presbiteri sono chiamati al servizio di tutta la Chiesa. Il ministero del sacerdote è per tutta la Chiesa: questo chiede a noi sacerdoti di avere un ampio respiro, un’ampia visione nello Spirito. La Chiesa è il luogo dove fiorisce e fruttifica lo Spirito: questi sono momenti di generatività nella vita della Chiesa. Si vive non rimanendo chiusi, ma uscendo: la vita inizia uscendo dal grembo».

Monsignor Isacchi, attuale Vicario Episcopale per il coordinamento pastorale, Economo diocesano e Cappellano di Sua Santità, sarà il 59° Arcivescovo di Monreale e subentrerà alla guida della diocesi siciliana a monsignor Michele Pennisi, che nei mesi scorsi ha presentato al Papa le proprie dimissioni per raggiunti limiti d’età.

«Le emozioni e la commozione – sono state le prime parole di monsignor Isacchi – sono tante. In questi giorni, la risposta che ho ricevuto dal Signore è quella che noi sacerdoti abbiamo ricevuto nella nostra ordinazione: “Io sarò con te, ti basta la mia grazia”. Così, non ho potuto che dire “sì” al Santo Padre. Un sentimento di gratitudine emerge nell’ascoltare tutti questi interventi: grazie a monsignor Dante Bernini, che mi ha ordinato, al cardinale Semeraro che nei diciassette anni trascorsi ad Albano mi ha insegnato molto e mi ha insegnato ad amare la Chiesa. Quando ami devi entrare in una logica di lasciare andare. Grazie al vescovo Viva per l’affetto e l’attenzione e la disponibilità dimostrata. Grazie ai sacerdoti della diocesi, anche quelli che non ci sono più, perché mi hanno insegnato a vivere la fraternità e a tutti i laici con cui abbiamo collaborato e dai quali ho imparato tanto. Sono consapevole del fatto di essere il frutto di tutte queste relazioni».

Nel suo saluto alla Chiesa di Monreale, invece, monsignor Isacchi ha esordito così: «Vengo tra voi – ha scritto l’arcivescovo nominato – per camminare con voi sulle vie del Vangelo di Cristo Gesù, nostra gioia. Vengo come pastore tra fratelli e sorelle. Vengo con molta trepidazione, consapevole che solo la grazia di Dio può colmare la distanza che intercorre tra la mia persona e il servizio che Lui stesso, attraverso la voce materna della Chiesa, ha voluto affidarmi. Confido nella misericordia del Padre. Confido anche in voi, una Chiesa ricca di santità, che negli anni ha generato uomini e donne luminosi che ancora oggi, con la loro testimonianza, ci spronano a camminare insieme nella gioia del Vangelo».

 Nelle prossime settimane saranno comunicate le date di ordinazione episcopale, che avverrà a Monreale, e di ingresso nella nuova diocesi.

Monsignor Gualtiero Federico Isacchi è nato a Lecco, il 7 settembre 1970. Entra nel Seminario Minore dell’Arcidiocesi di Milano dove compie gli studi propri della scuola media e del liceo.

Essendosi la famiglia trasferita ad Albano Laziale, il candidato giunge nella Diocesi di Albano ed è accolto nel Seminario Diocesano. Nel 1990, S.E. Mons. Dante Bernini lo invia, insieme con gli altri seminaristi diocesani, presso il Seminario Filosofico-Teologico Internazionale “Giovanni Paolo II” a Roma. Consegue il Baccalaureato in Sacra Teologia presso la Pontificia Università Lateranense. Il 7 dicembre 1994 è ordinato Presbitero, incardinandosi nella Diocesi di Albano.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE