HomeArchivio Spettacolo e CulturaAd Aprilia la mostra pittorico-poetica di Mario Spagnoli e Veruska Vertuani.
spot_img

Ad Aprilia la mostra pittorico-poetica di Mario Spagnoli e Veruska Vertuani.

Articolo Pubblicato il :

Domani alle 18.00 ad Aprilia, presso la Sala Manzù della Biblioteca Comunale di via Marconi, verrà inaugurata la mostra pittorico-poetica dal titolo “Attimi…ritagli di Vita”, la prima mostra personale dell’artista Mario Spagnoli, i cui quadri saranno accompagnati dalle poesie di Veruska Vertuani. L’esposizione rimarrà aperta fino al 28 ottobre.

I due artisti esporranno un’ampia varietà di opere prodotte in un arco temporale che copre un decennio, pitture e versi daranno luogo a un’arte terza, fatta di colori e suoni, verso cui l’osservatore-lettore potrà lasciarsi trasportare.

I ritagli di vita accompagneranno il visitatore in un tempo parallelo, colorato da figure femminili e da paesaggi metropolitani, senza dimenticare una natura che si impone sugli attimi attraverso l’utilizzo di sgargianti cromie.

All’evento interverranno il Presidente della Federlazio e di Arescosmo S.p.A. Ing. Silvio Rossignoli, il M° Antonio De Waure, presidente di “Arte Mediterranea”, fucina pittorica presso la quale Mario Spagnoli ha mosso i primi passi artistici. Letture poetiche a cura di Maria Costanzo e Veruska Vertuani, fotografie a cura di Ilaria Pisciottani. Per l’occasione interverranno anche il Sindaco di Aprilia Antonio Terra e l’Assessore alla Cultura Elvis Martino.

L’esposizione rimarrà aperta fino al 28 ottobre, con i seguenti orari: feriali 9-13 e 16-19, festivi 10-13 e 16-20. Ingresso libero.

Nota biografica di Mario Spagnoli

Nato a Frascati il 28 febbraio 1969, qui risiede fino al 1997, data in cui si trasferisce ad Aprilia. Attualmente è impiegato responsabile di magazzino presso la Federazione Italiana Pallacanestro di Roma.

Dall’età di 7 anni fino al 1998 frequenta la scuola di Musica-Complesso Bandistico Corbium, dedicandosi allo studio delle percussioni prima e successivamente al flauto traverso; prende parte a concerti bandistici, gemellaggi ed eventi culturali musicali, fino al trasferimento ad Aprilia. Iscritto all’Istituto d’Arte Silvio D’Amico di Roma, per motivi familiari non ha la possibilità di terminare gli studi.

La pittura è stata la sua passione primaria sin da bambino, vincendo anche un concorso indetto dalle scuole dell’area dei castelli Romani. Mette da parte la sua passione, oltre che per motivi di lavoro, per dedicarsi alla moglie Simona e ai due figli, Giulia e Gabriele. Finché nel 2010, durante una passeggiata a Frascati, rimane incantato dalle opere di Giglia Acquaviva, e sotto lo sprone di sua moglie, riprende in mano matita e pennelli e torna a dipingere.

Dal 2012 frequenta l’associazione “Arte Mediterranea” per trovare spazi, consigli e scambio di idee, perfezionandosi negli anni grazie al M° Antonio De Waure e ai M° Alberto Lanteri e Giglia Acquaviva; grazie a lei Mario trova la tecnica che gli è più congeniale, tecnica che prevede l’utilizzo della sabbia e colori acrilici, colori ad olio e tecniche miste. Prende parte a mostre collettive, iniziative di pittura live, e all’evento “Coloriamo Aprilia”.

La sua è una pittura materica, ispirata dal fascino trasmessogli da qualcosa di elegante, raffinato, pulito. Gli piace trasmettere bellezza e pulizia, quando dipinge entra in una dimensione tutta sua, lasciandosi trasportare da quello che prova e tentando, almeno nel suo mondo parallelo di fantasia, di correggere ciò che del mondo reale non apprezza. Questa, per lui, è la prima mostra personale.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE