fbpx
HomeCronacaCatturato in Spagna il latitante Davide Pasquali, uno dei più ricercati della...
spot_img

Catturato in Spagna il latitante Davide Pasquali, uno dei più ricercati della criminalità romana. L’operazione è stata condotta dai Carabinieri di Frascati.

Articolo Pubblicato il :

È stato arrestato in Spagna, tra Malaga e la città di Fuengirola, nella serata di mercoledì, Davide Pasquali, uno dei latitanti più ricercati della criminalità romana. Il 30enne, originario del quartiere di Tor Bella Monaca, è stato trovato in possesso di documenti falsi. Secondo quanto ricostruito dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Roma, l’uomo è gravemente indiziato di aver svolto un ruolo di rilievo di una delle piazze di spaccio del quartiere della periferia romana. Si era sottratto alla cattura nell’ambito di un’operazione condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Frascati che, il 27 aprile del 2021, disarticolò un’intera piazza di spaccio, con l’arresto di 50 persone.

Nei confronti di Davide Pasquali erano stati emessi, dall’autorità giudiziaria romana, un decreto di latitanza e un mandato di arresto europeo a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Roma. I reati contestati a Pasquali sono associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, nonché plurime condotte di spaccio al minuto.

L’arresto è stato possibile grazie alla costante sinergia investigativa tra il Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Frascati, delegato dall’Autorità Giudiziaria romana alla ricerca del latitante, la Direzione centrale per i servizi antidroga, il Servizio per la cooperazione internazionale di polizia attraverso il quale è stata attivata l’unità spagnola della rete europea per le ricerca latitanti pericolosi (E.N.F.A.S.T. European network Fugitives Active Search Teams) che ha provveduto, unitamente alla Policia Nacional di Malaga, alla localizzazione del latitante.

É importante precisare che, in considerazione dello stato del procedimento, – tengono a precisare i Carabinieri – l’indagato deve considerarsi innocente fino a sentenza definitiva”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE