HomeArchivio CronacaCompagno violento in manette a Velletri: le lanciava bottiglie di vetro, ferri...
spot_img

Compagno violento in manette a Velletri: le lanciava bottiglie di vetro, ferri da stiro, la insultava e la minacciava di morte.

Articolo Pubblicato il :

Compagno violento in manette a Velletri: le lanciava bottiglie di vetro, ferri da stiro, pezzi di legno, insultandola e minacciandola di morte. Gli agenti del locale commissariato di Polizia hanno tratto in arresto per maltrattamenti un 21enne di nazionalità tunisina. La vittima, una 34enne, aveva provato a sfuggire al suo aguzzino, rifugiandosi in una casa famiglia dopo un’ennesima aggressione, ma poi – come era già accaduto in passato – era tornata su suoi passi, cedendo alle suppliche dell’uomo di perdonarlo.

In alcune occasioni la donna era stata costretta anche a dormire sul pavimento, per poi essere di nuovo picchiata l’indomani, quando il 21enne aveva anche provato a soffocarla. Il Tribunale di Velletri, dopo le indagini della Polizia, ha finalmente emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giovane, ora, è stato rinchiuso in carcere.

“La storia purtroppo seguiva sempre lo stesso copione, – spiega la Polizia – dopo i primi momenti di pentimento il giovane, un 21enne tunisino, assumeva di nuovo lo stesso comportamento aggressivo. Calci, pugni, insulti e minacce di morte erano all’ordine del giorno, così come lanci di oggetti vari, pezzi di legno, bottiglie in vetro, addirittura ferri da stiro.

Grazie all’attività investigativa avviata dal commissariato Velletri, al quale la donna aveva presentato nel febbraio scorso denuncia, il Tribunale di Velletri ha emesso nei confronti del giovane un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Tutti gli elementi raccolti dagli investigatori, quale il referto medico della vittima, con diagnosi di trauma cranico facciale ed escoriazioni della mano sinistra, i diversi interventi delle forze dell’ordine per liti ed aggressioni ai danni della 34enne, la testimonianza dell’uomo che conviveva con la coppia, si sono dimostrati utili per il Giudice delle Indagini Preliminari alla emissione del provvedimento restrittivo nei confronti del tunisino”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE