Oggi pomeriggio in scena la “Campestre Oasi di Ninfa”, Sesto Memorial Emiliano Di Girolamo.

Archivio Sport  

Pubblicato 18-05-2019 ore 12:14  Aggiornato: 18-05-2019 ore 19:00

Oggi pomeriggio va in scena la “Campestre Oasi di Ninfa”, Sesto Memorial Emiliano Di Girolamo, Tappa Oro del 29esimo Grande Slam. Alle 17.00 scatterà infatti lo start per la 18esima edizione della campestre nella suggestiva cornice del “Giardino più bello del mondo”, a Doganella di Ninfa. Si corre su una distanza di 8 chilometri e mezzo.

La “Campestre Oasi di Ninfa” è organizzata in collaborazione con la Fondazione Caetani e con il patrocinio della Regione, dei Comuni di Cisterna e Sermoneta.

Atleti provenienti da tutta Italia attraverseranno un percorso all’interno della riserva naturale del Wwf, in un’area denominata Ninfa 2, nella quale sono stati realizzati un impianto boschivo e un sistema di aree umide studiato per agevolare la nidificazione dell’avifauna.

La priorità dell’Uisp, affiancato dagli sponsor istituzionali Icar Renault, Mapei e Sport85, resta dunque la promozione dello sport come veicolo di promozione del territorio e di sensibilizzazione verso il rispetto per l’ambiente.

Lo scorso anno si impose in 26 minuti e 47 secondi Mohad Abdikadar Sheik Ali, portacolori della “Studentesca Ca.Ri.Ri”, setino di adozione e somalo di origini. Dietro di lui si piazzarono Diego Papoccia e Devis Allegri. In campo femminile dettò legge Maria Casciotti della Podistica Solidarietà, con un tempo di 32 minuti e 57 secondi. Dopo di lei tagliarono il traguardo Anna Quagliaro e Luminita Lungu. Anche quest’anno è stato stabilito un numero chiuso di 400 partecipanti per preservare gli equilibri della riserva naturale. Per le iscrizioni consultare il sito www.uisplatina.it.

UN EVENTO NEL RICORDO DI EMILIANO

Per il sesto anno l’Uisp ricorderà Emiliano Di Girolamo, un giovane e brillante dirigente scomparso prematuramente. A lui è dedicato il premio speciale da assegnare al primo arrivato del 1983, anno di nascita di Emiliano. La scorsa edizione se lo aggiudicò Davide Mangiapelo della “Frangar non Flectar”, in precedenza lo vinse l’amico fraterno Francesco Noviello.

Anche in questa occasione il comitato di Latina vivrà con grande commozione la giornata: “E’ sempre forte il sentimento che ci lega a questo ragazzo straordinario, nostro dirigente e giudice di gara. Da volontario era sempre presente alle nostre manifestazioni offrendosi per i lavori più faticosi e lasciando sempre il segno con la sua pacatezza, il rispetto per tutti e il suo solido argomentare. Anche in questa edizione sarà un onore accogliere nella cerimonia di premiazione la sua famiglia e chi gli ha voluto bene”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto84 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login