HomeArchivio PoliticaSerpentone alle Salzare, Ardea Domani interpella il Comune: “ok allo sgombero, ma...
spot_img

Serpentone alle Salzare, Ardea Domani interpella il Comune: “ok allo sgombero, ma quale futuro per le persone fragili?”.

Articolo Pubblicato il :

Trascorsi i trenta giorni previsti dall’ordinanza di sgombero del complesso delle Salzare, ad Ardea. I consiglieri della lista “Ardea Domani”, attraverso un’interpellanza urgente inviata al Sindaco Maurizio Cremonini, al dirigente dell’Area2 e alla presidenza del Consiglio Comunale, chiede quali azioni si intendano intraprendere a tutela delle persone più fragili che vivono nel cosiddetto “Serpentone” e che sono ora soggette all’ordinanza di sgombero del complesso. “Siamo favorevoli al ripristino della legalità – affermano i consiglieri comunali di Ardea Domani, Luca Vita e Niko Martinelli – Ma crediamo che sia fondamentale condurre queste operazioni con un’attenzione alle situazioni di fragilità”.

“Qualche giorno fa, il 7 agosto, – spiega Ardea Domani – sono trascorsi i trenta giorni previsti dall’ordinanza di sgombero del complesso delle Salzare. Da quel momento, ogni giorno può esser buono per avviare le procedure di sgombero forzoso dello stabile. Abbiamo notizia che non tutti gli occupanti hanno lasciato l’immobile: alcuni fra quelli che ancora risiedono nello stabile vivono in condizioni economiche precarie e hanno all’interno del proprio nucleo famigliare persone fragili”.

“Siamo favorevoli al ripristino della legalità, soprattutto in un’area fortemente degradata come quella delle Salzare – affermano i consiglieri comunali di Ardea Domani, Luca Vita e Niko Martinelli – Ma crediamo che sia fondamentale condurre queste operazioni con un’attenzione alle situazioni di fragilità: troppo spesso nella nostra città l’assenza di politiche sociali adeguate aggrava situazioni già di per sé complesse e difficili, verso le quali il Comune ha il dovere di offrire azioni di cura. Del resto, anche le direttive ministeriali affidano al Comune di competenza l’onere di censire tali situazioni e di intervenire in caso di necessità”.

“Già il 21 luglio scorso – continuano i due consiglieri – abbiamo protocollato un’interpellanza per chiedere se si fosse proceduto a censire i residenti e quali soluzioni stessero prospettando i servizi sociali. Probabilmente una risposta all’interpellanza arriverà nel prossimo consiglio comunale, ma potrebbe essere tardi se nei prossimi giorni avvenisse lo sgombero. Da qualche giorno il sindaco Maurizio Cremonini ha assegnato la delega dei servizi alla persona al neoassessore Simone Centore, non ancora incaricato alla data dell’interpellanza. Evitare questa emergenza sociale sarà dunque un tema su cui dovrà dare risposte certe”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE