Si apre a Sermoneta il 54° “Festival Pontino di Musica”.

Archivio Spettacolo e Cultura  

Pubblicato 26-06-2018 ore 12:27  Aggiornato: 01-07-2018 ore 23:59

Laura Catrani

Il 54° “Festival Pontino di Musica” questo giovedì 28 giugno si apre nella suggestiva cornice del Castello Caetani di Sermoneta. In programma, alle 21.00, un concerto in ricordo dell’Architetto Riccardo Cerocchi, con Laura Catrani e Maria Grazia Bellocchio (voce e pianoforte),  interpreti di alcune Liriche del ‘900 italiano. In programma, sino al prossimo 29 luglio, oltre venti appuntamenti in alcuni dei luoghi più suggestivi del territorio pontino.

Oltre al Castello Caetani, sede di tanti concerti della manifestazione, le Abbazie di Fossanova e Valvisciolo, il Complesso monumentale di Sant’Oliva a Cori, le magiche atmosfere dell’Oasi Parco di Pantanello a Cisterna e il comune di Fondi faranno da cornice alla rasssegna.

Ampia come sempre l’offerta musicale che spazierà dal grande repertorio classico e barocco, fino al jazz e alla musica d’oggi, protagonisti solisti, direttori ed ensemble della scena musicale internazionale a fianco di giovani e promettenti talenti su cui il Festival ama da sempre scommettere.

L’appuntamento di apertura sarà in memoria dell’Architetto Riccardo Cerocchi infaticabile organizzatore e anima per oltre cinquant’anni del Festival, scomparso lo scorso ottobre. Sul palco la pianista Maria Grazia Bellocchio e il soprano Laura Catrani, interpreti di riferimento per la musica contemporanea, che eseguiranno alcune Liriche di due compositori che in Italia hanno segnato la musica del XX secolo, Goffredo Petrassi (Due liriche di Saffo, 1942, per voce e pianoforte nella traduzione di Salvatore Quasimodo) e Luigi Dallapiccola (Quattro liriche di Antonio Machado, 1948, per canto e pianoforte). Alla loro musica si alterna quella di altri tre compositori italiani del Novecento di cui il Campus Internazionale di musica di Latina, organizzatore del Festival,  conserva i preziosi archivi musicali, in parte ancora inediti: sono Barbara Giuranna, Gino Contilli e Giorgio Federico Ghedini.

All’inaugurazione seguono le due giornate di sabato 30 giugno e domenica 1 luglio sempre a Sermoneta dedicate agli Incontri Internazionali di Musica Contemporanea che ogni anno richiamano musicisti, interpreti, compositori e musicologi di rilievo internazionale. Titolo di questa nuova edizione sarà “Nuova e nuove musiche”: ci si soffermerà sulla musica di Luis de Pablo, presidente onorario del Festival, sulla musica del Novecento e quella dei nostri giorni, con diverse prime assolute e alcune novità, valorizzando anche i compositori italiani di cui il Campus di Latina conserva i preziosi archivi musicali, fra cui quello di Goffredo Petrassi.

La tavola rotonda di sabato 30 giugno (Chiesa di San Michele Arcangelo, ore 15.30) sarà l’occasione per presentare la rivista scientifica «Nuove Musiche», nata dal sodalizio tra il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Palermo e la Fondazione Prometeo di Parma.

Alle ore 21, al Castello Caetani, il concerto del violinista Francesco D’Orazio e dell’Ensemble Prometeo diretto da Marco Angius. In programma la prima assoluta per violino solo di Encore (2016) di Luis de Pablo, che con questo breve pezzo, per dirla con le sue stesse parole, “rende un omaggio al talento, all’arte, all’intelligenza e alla sensibilità di Francesco D’Orazio”, felice esempio di piena collaborazione e stimolante confronto fra compositore e interprete. Completano il programma le prime assolute di compositori italiani di nuova generazione (Simone Cardini, Pasquale Corrado, Aureliano Cattaneo), cui si aggiungono le musiche del giapponese Misato Mochizuki e del danese Rune Glerup.

La tavola rotonda di domenica 1° luglio (Chiesa di San Michele Arcangelo, ore 15.30),  aprirà invece una riflessione sull’eredità culturale di Mario Bortolotto, Luigi Pestalozza e Riccardo Cerocchi. Per decenni i primi due, musicologi fra i più rinomati in Italia e all’estero scomparsi entrambi lo scorso anno, sono stati consulenti artistici del Campus, collaborando con Riccardo Cerocchi che ha sempre voluto dare un’impronta “a più voci” sui temi scelti negli Incontri. Numerosi gli interventi in programma fra cui si segnalano quelli di Gabriele Bonomo, Roberto Favaro, Daniela Tortora, Marco Angius, Alessandro Solbiati e tanti altri.

Alle ore 21 si torna al Castello Caetani per il concerto che accoglie una delle più attese novità del Festival, con la prima esecuzione italiana di Il n’est pas comme nous! Une fable de tous les temps (2017) di Alessandro Solbiati, azione scenica per voce femminile cantante e recitante ed ensemble da El retablo de las maravillas di Miguel de Cervantes Saavedra. Dopo il debutto a Tours lo scorso 31 marzo, affidato all’Ensemble Atelier de la Touraine – ATMusica e la voce di Mathilde Barthélemy, il nuovo lavoro di Solbiati approda al Pontino, felice incontro tra la musica vocale e il teatro da camera: “Alla base di questa avventura compositiva – racconta lo stesso compositore, anche docente del Corso di composizione ai Corsi di Sermoneta – vi è stato l’incontro con la voce cantante e recitante e con la personalità scenica di Mathilde Barthélemy, in grado di non separare recitazione da canto e di mescolare le due attitudini vocali in una relazione di reciproco nutrimento. Era però prima di tutto necessario trovare un testo ‘forte’ ma al tempo stesso divertente e leggero. Cervantes e il suo ‘Retablo de las maravillas’ hanno costituito una scelta perfetta: una favola, piena di ironia ma anche di una verità piuttosto amara, capace di graffiare e insieme di far sorridere”.

La prima di Solbiati sarà preceduta dalla altra novità, questa in prima assoluta, di Luca Ricci giovane compositore segnalatosi nel corso di composizione dello stesso Solbiati a Sermoneta. Titolo della sua composizione Breccia nel suono, scritta nel 2018 per violino, viola e violoncello.

 

Info:

 

Fondazione Campus Internazionale di Musica, Via Varsavia 31, 04100 Latina

 

tel. 0773 605551, www.campusmusica.it, info@campusmusica.it

 

Biglietti concerti del 28 – 30 giugno: 5 e 2 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login