fbpx
HomeArchivio Altre NotizieIl Comune di Pomezia ricorda le vittime del covid19, piantati 2 cipressi
spot_img

Il Comune di Pomezia ricorda le vittime del covid19, piantati 2 cipressi

Articolo Pubblicato il :

Il Comune di Pomezia ha ricordato le vittime del Covid-19: ieri mattina al Parco delle Rimembranze la cerimonia commemorativa. “In ricordo di quanti ci hanno lasciato, – ha detto il sindaco Adriano Zuccalà – piantiamo semi di speranza con la simbolica messa a dimora di due alberi di cipresso”.

Uno spazio della memoria dove condividere l’abbraccio della Città ai familiari delle persone scomparse, che possa trasmettere un messaggio di speranza per il futuro. ​

Un luogo che emoziona, inaugurato questa mattina al Parco delle Rimembranze alla presenza del Sindaco Adriano Zuccalà, di una rappresentanza di Giunta, Consiglio comunale e Forze dell’ordine del territorio, e familiari delle vittime.

La giornata di oggi è dedicata a chi non c’è più. A Roberto, Maria, Adolfo, Giandonato, Lorenzo, Marina, Antonino, Ilario, Giuseppina, Luigi, Filomena, Angela, Bruno, Maria Grazia, Antonio, Armando, Mario, Alvaro, Claudio, Tonino, Anna.

“Vogliamo dedicare questo spazio alla memoria dei nostri concittadini scomparsi – ha spiegato il Primo Cittadino – Penso alle vittime di un virus invisibile e insidioso, ma penso anche a tutti coloro che si sono spenti durante l’anno per cause diverse, che a causa delle restrizioni anti-Covid sono stati costretti ad affrontare gli ultimi giorni senza la presenza dei propri affetti.

In ricordo di quanti ci hanno lasciato, piantiamo semi di speranza con la simbolica messa a dimora di due alberi di cipresso, simbolo di immortalità, che in questo caso assumono un valore sociale di testimonianza, auspicio, ricordo. La pandemia è una ferita che unisce il Paese, un dolore che ci rende comunità. Ricorderemo questo momento che ha cambiato il mondo e terremo nel cuore tutte le donne e gli uomini che ci hanno prematuramente lasciato”.

Sulla stele presente al Parco, inaugurata una targa commemorativa con i versi della celebre poetessa Emily Dickinson: “Chi è amato non conosce morte”. A portare solennità al momento di raccoglimento, la riproduzione del celebre brano Il Silenzio a cura dell’associazione nazionale Bersaglieri.

Una celebrazione trasmessa in diretta Facebook in modo da colmare la distanza imposta dal virus con una partecipazione virtuale della comunità pometina

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE