HomeArchivio Spettacolo e CulturaL'isola di Ponza e la sua uva Biancolella protagoniste a Napoli dal...
spot_img

L’isola di Ponza e la sua uva Biancolella protagoniste a Napoli dal 15 al 17 settembre del “Mediterranean Wine Art Fest 2022”. 

Articolo Pubblicato il :

Il Comune di Ponza sarà presente a Napoli, presso il complesso monumentale di San Domenico Maggiore, in pieno centro storica, dal 15 al 17 settembre per il “Wine Art Fest 2022”.  L’evento nasce per promuovere le eccellenze enologiche euro-mediterranee. Un programma di incontri tra eccellenze, vino, arte, spettacolo e buona musica.

L’isola di Ponza è dimostrazione che la storia di un territorio può essere raccontata attraverso le sue eccellenze enogastronomiche: ogni prodotto, piatto, materia prima è sinonimo di tradizione. Il vino è forse l’elemento che più di tutti è in grado di testimoniare l’incontro tra passato e presente dell’isola.

Il territorio impervio dell’isola, i luoghi incontaminati, la terra, il sole e l’acqua salata fanno dei vini isolani un’eccellenza. Saranno presenti all’evento tre grandi nomi di cantine quali Casale del Giglio, Antiche Cantine Migliaccio e Marisa Taffuri.

Le tre cantine coltivano sull’isola l’uva Biancolella, che è per Ponza motivo di grande vanto. Vitigno a bacca bianca, che arrivò sull’isola da Ischia nel lontano 1734.

Oggi infatti, la Biancolella di Ponza può essere considerata a tutti gli effetti un vitigno autoctono ed è riconosciuta nel registro regionale delle varietà di vite classificate idonee alla produzione di uva da vino del Lazio; questo ne consente la coltivazione solo nell’arcipelago Pontino e la possibilità di utilizzarla per la produzione di vini Igt. Un grande orgoglio per Ponza essere stati invitati ad un evento di portata internazionale che vedrà coinvolte realtà enogastronomiche e turistiche dei paesi che affacciano sul Mediterraneo.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE